Mutui casa: bonus e regole 2024

  • 2 settimane fa
  • 0

Nel 2024 il bonus mutuo prima casa spetta non solo ai giovani under 36 con requisito ISEE ma anche alle famiglie numerose a basso e medio reddito: in entrambi c’è diritto all’accesso prioritario al Fondo di Garanzia Consap. La copertura della garanzia sul mutuo prima casa è pari all’80% della quota capitale del finanziamento per i giovani, mentre per le famiglie si può arrivare anche fino al 90%.

Bonus mutuo prima casa 2024 per giovani under 36

Il Governo ha previsto la proroga dei mutui garantiti all’80% per acquisto prima casa da parte di giovani under 36 con ISEE fino a 40mila euro. Il Fondo offre sul mutuo una garanzia pubblica con controgaranzia dello Stato, sul mutuo per l’acquisto della prima casa. E’ gestito dal Consap, che si occupa delle domande pervenute dai soggetti finanziatori (banche).

Bonus mutuo prima casa 2024 per famiglie numerose

L’accesso alla garanzia di Stato concessa dal Fondo sui mutui prima casa è estesa ai nuclei familiari con almeno tre figli di età inferiore a 21 anni e 40mila euro di ISEE. La garanzia sale al 90% con 5 figli under 21 e 50mila ero di soglia ISEE. In particolare:

  • nuclei familiari che includono tre figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 40mila euro annui,
  • nuclei familiari che includono quattro figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 45mila euro annui,
  • nuclei familiari che includono cinque o più figli di età inferiore a 21 anni e che hanno un valore dell’Isee non superiore a 50mila euro annui.

Per le domande di finanziamento presentate dal 1° febbraio al 31 dicembre 2024, la garanzia è rilasciata, rispettivamente, nella misura massima dell’80% della quota capitale alla prima categoria, dell’85% alla seconda categoria e del 90% alla terza.

Bonus mutuo casa: quali requisiti per la garanzia di Stato?

Il Fondo è rivolto a tutti i cittadini, alla data di presentazione della domanda, non proprietari di altri immobili ad uso abitativo (neppure all’estero) salvo che per successione causa morte e ceduti a titolo gratuito a genitori o fratelli.

L’agevolazione per i giovani è riservata ai soggetti fino al trentaseiesimo anno d’età con ISEE fino a 40mila euro (si può auto-dichiarare anche un ISEE corrente) che comprano l’abitazione principale (sono esclusi acconti e caparra nei preliminari, sui quali però si può richiedere successivamente un rimborso sull’imposta versata). L’estensione alle famiglie numerose under 21 porta la soglia ISEE a 50mila con almeno 5 figli.

L’ammontare massimo del mutuo resta quello di 250.000 euro.

Il bonus mutuo prima casa si applica anche alle pertinenze (ad esempio i box auto) e si possono estendere anche alle prime abitazioni comprate tramite asta giudiziaria.

(contenuti estratti in parte da https://www.pmi.it/)

Compare listings

Confrontare